Cerca

Home chi siamo statuto
statuto PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Mercoledì 11 Ottobre 2006 22:13

STATUTO della Associazione denominata CAMERA PENALE DEGLI AVVOCATI DI COMO E LECCO.

 L'Associazione non ha finalità di lucro ed ha durata illimitata.

Essa ha sede  presso lo studio professionale del presidente pro-tempore.

Il perseguimento dello scopo individuato al punto 3) dell'atto costitutivo sarà  attuato attraverso le seguenti disposizioni.

 ART. 1 - REQUISITI DEGLI ASSOCIATI             Possono essere ammessi all'Associazione, a giudizio del Consiglio Direttivo, gli avvocati Iscritti negli Albi Professionali di Como e Lecco, i quali esercitino con continuità la professione in campo penale. Possono altresì essere ammessi gli iscritti da almeno un anno all'Albo dei praticanti. I requisiti per l'ammissione e la permanenza nella Associazione sono costituiti, altresì, da sufficiente competenza nell'ambito penale e da adeguata correttezza professionale. Qualora non sussista al  momento dell'iscrizione, o venga meno successivamente, uno dei requisiti richiesti, il Consiglio Direttivo delibera, previa audizione dell'interessato, di non accogliere o di cancellare l'iscrizione. L'interessato può chiedere che venga inserito nell'ordine del giorno della prima Assemblea successiva alla valutazione del Direttivo. L'Assemblea deciderà  a maggioranza dei presenti.  

ART. 2 - DOVERI DEGLI ASSOCIATI        L'appartenenza alla Camera Penale ha carattere libero e volontario, ma impegna gli aderenti al rispetto delle risoluzioni prese dai suoi organi rappresentativi, secondo le competenze statutarie nonchè operare con professionalità  nel rispetto della deontologia.

 ART. 3 - ORGANI DELLA ASSOCIAZIONE             Organi della Associazione sono:  a) l'Assemblea degli Associati; b) il Consiglio Direttivo;  c) il Presidente;   d) il Vice Presidente con funzioni di Segretario e Tesoriere.

 ART. 4 - L'ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ASSOCIATI             L'Assemblea ordinaria degli associati  deve essere convocata almeno una volta all'anno. Essa:  a) delibera sulla relazione anche programmatica del Presidente e sugli argomenti all'ordine del giorno;  b) approva i bilanci preventivi e consuntivi;  c) stabilisce l'ammontare delle quote sociali e le modalità  di riscossione; d) elegge ogni triennio, a scrutinio segreto, i membri del Consiglio Direttivo;  e) delibera su quanto contemplato dall'art.1 e dall'art.7.

 ART. 5 - CONVOCAZIONE DELL'ASSEMBLEA STRAORDINARIA          L'Assemblea straordinaria viene convocata dal Presidente ogni qualvolta la convocazione sia ritenuta necessaria dal Consiglio Direttivo o ne sia fatta richiesta motivata da almeno il 10% degli associati.

 ART. 6 - PARTECIPAZIONE ALL'ASSEMBLEA             Partecipano con diritto di voto all'Assemblea tutti gli Associati in regola con il versamento delle quote sociali. Le deliberazioni vengono prese a maggioranza semplice. Non sono ammesse deleghe. Per le votazioni relative a persone ed all'elezione delle cariche sociali sarà  adottato lo scrutinio segreto. Alle elezioni del Consiglio Direttivo possono partecipare solo gli Associati ammessi  da almeno sei mesi e in regola con il versamento della quota associativa.

 ART. 7 - DELIBERAZIONI DELL'ASSEMBLEA         L'Assemblea è l'unico organo competente a modificare lo statuto dell'Associazione, a trasformare lo stato giuridico ed a scioglierla, con deliberazione a maggioranza dei due terzi gli Associali presenti. In caso di scioglimento l'Assemblea deciderà  sulla destinazione del relativo patrimonio. Le delibere dell'Assemblea debbono essere rese pubbliche preferibilmente mediante affissione presso la sede della Camera Penale entro sette giorni. Il Presidente ha il compito di direzione dell'Assemblea e di controllo delle operazioni di voto.

ART. 8 - IL CONSIGLIO DIRETTIVO    Il Consiglio Direttivo è eletto dall'Assemblea con scrutinio segreto ed è  composto da sette membri  di cui almeno quattro del Foro di Como e almeno due del Foro di Lecco, in possesso dei requisiti di cui all'art.1.Le votazioni si svolgono presso due seggi elettorali: uno in Como ed uno in Lecco.

Ciascun partecipante all'Assemblea può esprimere fino a sette preferenze.

Per l'elezione dei componenti del Consiglio Direttivo risulteranno eletti gli  Associati che avranno riportato il maggior numero di suffragi sommando in modo indifferenziato i voti conseguiti da ciascun candidato nei due seggi di Como e di Lecco.  In caso di egual numero di suffragi prevarrà  l'anzianità  di iscrizione all'Albo o ai  Registri Professionali. In caso di dimissioni o di impossibilità  ad esercitare il mandato da parte di uno o più membri, con un massimo di tre, subentreranno  nella carica di consigliere i primi dei non eletti mantenendo i numeri minimi per Como e Lecco. La carica di membro del Direttivo della Camera Penale è incompatibile con qualsiasi altra carica ricoperta in altri organi rappresentativi della categoria forense. Nel caso in cui un membro del Consiglio Direttivo risultasse eletto ad altra carica nel corso del mandato dovrà  scegliere, entro un mese dall'elezione, quale carica ricoprire. L'Associato che ricopre cariche in altri organi rappresentativi e viene eletto nel Direttivo della Camera Penale deve optare  per una delle due cariche.

Alle elezioni del Consiglio Direttivo possono partecipare solo coloro che si siano iscritti per la prima volta almeno sei mesi prima dalla data delle elezioni ed i soci che abbiano effettuato il versamento della quota associativa relativa all’esercizio nel quale si svolgono le elezioni ed all’esercizio precedente a quello nel quale si tengono le sessioni elettorali, entro il giorno 15 del mese in cui si tengono le elezioni.

Tutti gli iscritti alla Camera Penale di Como e Lecco da almeno un anno potranno essere eletti al Consiglio Direttivo.

L’iscritto che intende candidarsi deve obbligatoriamente presentare la propria candidatura alla segreteria via fax o via mail fino alle h. 12.00 del giorno precedente a quello fissato per le operazioni di voto.

Il controllo dei risultati dello scrutinio sarà  compiuto pubblicamente dal Presidente assistito da altro componente del Consiglio Direttivo e dalla commissione elettorale.

L’Assemblea, per le votazioni relative all’elezione delle cariche sociali, nomina una Commissione elettorale composta da due membri.

Non possono far parte della Commissione elettorale i candidati alle elezioni. Qualora, dopo la nomina, un membro della Commissione elettorale intenda candidarsi, deve dimettersi. Il Presidente della Commissione elettorale, sentito il Consiglio Direttivo, nomina uno o più sostituti. Qualora, pur non essendo candidato, dovesse risultare eletto un membro della Commissione Elettorale, l’elezione non sarà valida e risulterà eletto il primo dei non eletti.

I membri della Commissione elettorale, curano la pubblicazione presso la Segreteria della lista dei candidati e anche disgiuntamente presiedono alle operazioni di voto assicurandone il regolare svolgimento.

La Commissione elettorale effettua pubblicamente le operazioni di scrutinio e provvede alla proclamazione degli eletti, decorso il termine di cui all’ultimo comma del presente articolo.

La Commissione elettorale decide su ogni controversia riguardante le operazioni di voto e la validità dei voti espressi.

Ciascun socio, in possesso dei requisiti di cui al primo comma, potrà: 

a) controllare le schede elettorali, che a tal fine resteranno depositate presso la sede della Camera Penale per i tre giorni non festivi successivi al completamento delle operazioni elettorali; 

b) proporre reclamo – entro il termine di cui alla lett. a) – alla Commissione Elettorale precisando le ragioni della doglianza che, a pena di inammissibilità, dovrà riguardare la validità o la regolarità dello svolgimento delle operazioni elettorali, ovvero i risultati dello scrutinio nel solo caso in cui l’eventuale accoglimento del reclamo possa modificare l’elenco degli eletti. 

La Commissione elettorale decide – con provvedimento inoppugnabile – entro due giorni dalla scadenza del termine di cui alla lett. a).

I neo eletti subentrano nella carica dopo il consiglio direttivo che sarà convocato entro 7 giorni dalla proclamazione. Dopo la promulgazione dei risultati e fintanto che i neo eletti non abbiano assunto la carica, il Consiglio Direttivo uscente opera limitatamente agli affari ordinari.

 ART. 9 - ATTIVITA' DEL CONSIGLIO DIRETTIVO          Il Consiglio Direttivo elegge tra i suoi componenti il Presidente ed il Vice Presidente. Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente ogniqualvolta egli lo ritenga opportuno e, comunque, almeno una volta al bimestre in riunioni ordinarie e su richiesta di almeno tre componenti , in riunioni straordinarie. Le riunioni del Consiglio Direttivo sono regolarmente costituite con la presenza di almeno tre dei suoi membri. Esso delibera, di regola, a maggioranza di voti dei presenti. In caso di parità  di voti prevale quello del Presidente o, in sua assenza, quello del Vice Presidente. Le delibere del Consiglio Direttivo debbono essere rese pubbliche preferibilmente mediante affissione presso la sede della Camera Penale. 

ART. 10 - COMPETENZE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO               Il Consiglio Direttivo presiede allo sviluppo  ed all'indirizzo generale dell'Associazione; attua gli scopi per i quali l'Associazione è costituita; stabilisce il programma di lavoro per ogni anno sociale da sottoporre all'approvazione dell'Assemblea; provvede all'amministrazione ordinaria e straordinaria delle attività; sottopone all'approvazione dell'Assemblea i bilanci preventivi e consuntivi; invita gli associati nei confronti dei quali siano pervenute segnalazioni circa il venir meno dei requisiti di capacità  professionale e di rispetto della deontologia, a fornire i chiarimenti del caso; delibera l'invio di richiami o ammonizioni agli associati ritenuti responsabili di violazione dei requisiti di cui al punto precedente; delibera l'ammissione, la sospensione o la cancellazione degli associati.

ART. 11 - IL PRESIDENTE            Il Presidente è investito della rappresentanza dell'Associazione di fronte ai terzi ed in giudizio e ne imposta l'attività  per il conseguimento degli scopi stabiliti; da esecuzione alle deliberazioni prese dal Consiglio Direttivo e dall'Assemblea. In caso di urgenza prende le decisioni ed i provvedimenti spettanti al Consiglio Direttivo, sottoponendoli alla ratifica dello stesso nel corso della successiva riunione. Il Presidente può inoltre nominare e revocare procuratori speciali dell'Associazione per determinati atti o categorie di atti.

ART. 12 - IL VICE PRESIDENTE             Il Vice Presidente ha funzioni di Segretario e Tesoriere; è investito dei più ampi poteri per la gestione dei fondi sociali e delle somme a disposizione dell'Associazione, con facoltà  di riscuotere somme e valori, di effettuare pagamenti, di rilasciare quietanze, di provvedere ad operazioni attive e passive quali, in via esemplificativa, aperture di conti correnti e loro utilizzo, emissione di assegni su conti correnti intestati all'Associazione dandone comunicazione al Consiglio Direttivo; compila e tiene aggiornato lo schedario degli Associati; controlla il pagamento delle quote sociali e provvede al mantenimento della contabilità; provvede alla corrispondenza; organizza, d'intesa con il Presidente, le riunioni del Consiglio Direttivo e delle Assemblee, redigendone i relativi verbali; è responsabile dell'esecuzione delle disposizioni emanate dal Presidente e coordina con costui  l'attività  per il raggiungimento dei fini statutari; controfirma gli atti ufficiali dell'Associazione; sostituisce il Presidente in caso di assenza o di impedimento dello stesso.

ART. 13 -          I membri del Consiglio Direttivo restano in carica tre anni e sono rieleggibili.* 

ART. 14 -          Le cariche sociali sono ricoperte a titolo assolutamente gratuito. 

ART. 15 -         Il patrimonio dell'Associazione è costituito: a) dalle quote di associazione; b) dai contributi, elargizioni, donazioni, lasciti, a qualunque titolo disposti a favore dell'Associazione stessa.

 ART. 16 -        L'esercizio sociale si chiude il 31 dicembre di ogni anno.

 

L.C.S.   Avv. Paolo Camporini  - Avv. Simone Gilardi -  Avv. Marcello Perillo -  Avv. Davide Monteleone -  Avv. Francesca Binaghi  -  Avv. Anna Viganò  -  Avv. Caterina Busellu 

 

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 13 Giugno 2016 14:04 )